.
Annunci online

 
Blackroses 
Terribilis Est Locum Iste
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca


 

Diario | Musica | What's up? | Keep on smilin' | Poesia | Frasi celebri | Molto personale | Sondaggi | libri | film |
 
Musica
1visite.

11 ottobre 2007

Un pò di positività ...

 

» Angoli di Cielo «
(Tiromancino)


Qualcosa c'è
che ti fa paura
e rende incerto il tuo volo.
Sarà l'idea
che il tempo si consuma
e all'improvviso sei solo,
come un attore hai scelto il ruolo
di chi è sicuro di se,
ma sai benissimo che la tua arte
è nella parte fragile di te.

Cerca angoli di cielo
fantastiche visioni,
per dare nuova luce ai tuoi occhi
lasciando entrare tutte le emozioni
senza far finta che l'amore non ti tocchi.
Prendi tutti i suoni
dal frastuono di ogni giorno
cerca tra la gente le parole
segui la tua vita
non lasciarla andare
ora è il momento.

Perchè non c'è
nessuna differenza
se vinci o se perdi,
quello che conta
che ha più importanza
è essere quello che sei.

Cerca angoli di cielo
fantastiche visioni,
per dare nuova luce ai tuoi occhi;
lasciando entrare tutte le emozioni
senza far finta che il dolore non ti tocchi.
Prendi tutti i suoni
dal frastuono di ogni giorno
cerca tra la gente le parole
ama la tua vita
non lasciarla andare
ora è il momento.

Prendi tutti i suoni
dal frastuono di ogni giorno
cerca in ogni notte un po' di sole
ama la tua vita
non lasciarla andare
ora è il momento
non aspettare!


Sono latitante e me ne dispiace ...
Assorbita dai mei mille e un impegni Reali Non ho piu tempo per il virtuale e non riesco a passare da tutti coloro che fino ad ora mi hanno visitato costantemente
 e di tutto ciò me ne rammarico
Appena potrò rimedierò ...
Spero ...
Nel frattempo lascio come sempre un saluto a tutti coloro che passeran per di qua




permalink | inviato da Blackroses il 11/10/2007 alle 8:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

8 giugno 2007

Energy ...

 

<< Bisogna farla un pò di guerra..
I cani rabbiosi li lasciano in pace..
quelli docili invece li prendono a calci...
Bisogna sempre battersi >>

da Eva Luna di I. Allende




permalink | inviato da Blackroses il 8/6/2007 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

17 maggio 2007

Grinta e saggezza...




Sweet Dreams (Eurythmics)


Sweet dreams are made of this
Who am I to disagree?
Travel the world and the seven seas
Everybody's looking for something
Some of them want to use you
Some of them want to get used by you
Some of them want to abuse you
Some of them want to be abused
Sweet dreams are made of this
Who am I to disagree?
Travel the world and the seven seas
Everybody's looking for something
Some of them want to use you
Some of them want to get used by you
Some of them want to abuse you
Some of them want to be abused
I wanna use you and abuse you
I wanna know what's inside you(Whispering)
Hold your head up, movin' on
Keep your head up, movin' on
Hold your head up, movin' on
Keep your head up, movin' on
Hold your head up, movin' on
Keep your head up, movin' onMovin' on!
Sweet dreams are made of this
Who am I to disagree?
Travel the world and the seven seas
Everybody's looking for something
Some of them want to use you
Some of them want to get used by you
Some of them want to abuse you
Some of them want to be abused
I'm gonna use you and abuse you
I'm gonna know what's inside
Gonna use you and abuse you
I'm gonna know what's inside you



 

<<è piu facile rompere un atomo che un pregiudizio >>

A. Einstein




permalink | inviato da il 17/5/2007 alle 19:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

28 aprile 2007

Ice queen ...un tempo mi firmavo cosi...

Ice queen (Within Temptation)

When leaves have fallen
And skies turned into grey.
The night keeps on closing in on the day
A nightingale sings his song of farewell
You better hide for her freezing hell

On cold wings she's coming
You better keep moving
For warmth, you'll be longing
Come on just feel it
Don't you see it?
You better believe it.

When she embraces
Your heart turns to stone
She comes at night when you are all alone
And when she whispers
Your blood shall run cold
You better hide before she finds you

Whenever she is raging
She takes all life away
Haven't you seen?
Haven't you seen?
The ruins of our world

She covers the earth with a breathtaking cloak
The sun awakes and melts it away
The world now opens its eyes and sees
The dawning of a new day

Whenever she is raging
She takes all life away
Haven't you seen?
Haven't you seen?
The ruins of our world













permalink | inviato da il 28/4/2007 alle 20:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

23 marzo 2007

Pezzi di vetro

 

L'uomo che cammina sui pezzi di vetro

dicono che ha due anime e un sesso,

di ramo duro il cuore

e una luna e dei fuochi alle spalle

mentre balla e balla, sotto l'angolo retto di una stella.

Niente a che vedere col circo, né acrobata

né mangiatore di fuoco

piuttosto un santo a piedi nudi

quando vedi che non si taglia già lo sai

ti potresti innamorare di lui,

forse sei già innamorata di lui,

cosa importa se ha vent'anni e nelle pieghe della

mano

una linea che gira, lui risponde serio " è mia",

sottintende la vita e la fine del discorso la conosci

già,

era acqua corrente un po' di tempo fa

e ora si è fermata qua.

Non conosce paura l'uomo che salta e vince sui vetri

e spezza bottiglie e ride e sorride perché

ferirsi non è possibile, morire meno che mai e poi

mai.

E insieme visitate la notte

che dicono è due anime e un letto

e un tetto di capanna utile e dolce

come ombrello teso tra la terra e il cielo

lui ti offre la sua ultima carta, il suo ultimo prezioso

tentativo di stupire quando dice

"è quattro giorni che ti amo,

ti prego non andare via, non lasciarmi ferito".

E non hai capito ancora come mai

hai lasciato in un minuto tutto quel che hai,

però stai bene dove stai.

Però stai bene dove stai.

 

F.DeGregori

img339/949/intensitxx8.png  
 




permalink | inviato da il 23/3/2007 alle 0:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa

20 marzo 2007

Ti regalerò una rosa (S. Cristicchi )

Ti regalerò una rosa
Una rosa rossa per dipingere ogni cosa
Una rosa per ogni tua lacrima da consolare
E una rosa per poterti amare
Ti regalerò una rosa
Una rosa bianca come fossi la mia sposa
Una rosa bianca che ti serva per dimenticare
Ogni piccolo dolore

Mi chiamo Antonio e sono matto
Sono nato nel ’54 e vivo qui da quando ero bambino
Credevo di parlare col demonio
Così mi hanno chiuso quarant’anni dentro a un manicomio
Ti scrivo questa lettera perché non so parlare
Perdona la calligrafia da prima elementare
E mi stupisco se provo ancora un’emozione
Ma la colpa è della mano che non smette di tremare

Io sono come un pianoforte con un tasto rotto
L’accordo dissonante di un’orchestra di ubriachi
E giorno e notte si assomigliano
Nella poca luce che trafigge i vetri opachi
Me la faccio ancora sotto perché ho paura
Per la società dei sani siamo sempre stati spazzatura
Puzza di piscio e segatura
Questa è malattia mentale e non esiste cura


Ti regalerò una rosa
Una rosa rossa per dipingere ogni cosa
Una rosa per ogni tua lacrima da consolare
E una rosa per poterti amare
Ti regalerò una rosa
Una rosa bianca come fossi la mia sposa
Una rosa bianca che ti serva per dimenticare
Ogni piccolo dolore

I matti sono punti di domanda senza frase
Migliaia di astronavi che non tornano alla base
Sono dei pupazzi stesi ad asciugare al sole
I matti sono apostoli di un Dio che non li vuole
Mi fabbrico la neve col polistirolo
La mia patologia è che son rimasto solo
Ora prendete un telescopio… misurate le distanze
E guardate tra me e voi… chi è più pericoloso?

Dentro ai padiglioni ci amavamo di nascosto
Ritagliando un angolo che fosse solo il nostro
Ricordo i pochi istanti in cui ci sentivamo vivi
Non come le cartelle cliniche stipate negli archivi
Dei miei ricordi sarai l’ultimo a sfumare
Eri come un angelo legato ad un termosifone
Nonostante tutto io ti aspetto ancora
E se chiudo gli occhi sento la tua mano che mi sfiora

Ti regalerò una rosa
Una rosa rossa per dipingere ogni cosa
Una rosa per ogni tua lacrima da consolare
E una rosa per poterti amare
Ti regalerò una rosa
Una rosa bianca come fossi la mia sposa
Una rosa bianca che ti serva per dimenticare
Ogni piccolo dolore

Mi chiamo Antonio e sto sul tetto
Cara Margherita son vent’anni che ti aspetto
I matti siamo noi quando nessuno ci capisce
Quando pure il tuo migliore amico ti tradisce
Ti lascio questa lettera, adesso devo andare
Perdona la calligrafia da prima elementare
E ti stupisci che io provi ancora un’emozione?
Sorprenditi di nuovo perché Antonio sa volare




(Foto di Kim Anderson )
Un caro saluto a chi passerà




permalink | inviato da il 20/3/2007 alle 0:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa

11 marzo 2007

A MUSO DURO (F.Urzino - P.A.Bertoli)

A MUSO DURO
(F.Urzino - P.A.Bertoli)

E adesso che farò, non so che dire
e ho freddo come quando stavo solo
ho sempre scritto i versi con la penna
non ordini precisi di lavoro.
Ho sempre odiato i porci ed i ruffiani
e quelli che rubavano un salario
i falsi che si fanno una carriera
con certe prestazioni fuori orario
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.
Ho speso quattro secoli di vita
e ho fatto mille viaggi nei deserti
perchè volevo dire ciò che penso
volevo andare avanti ad occhi aperti
adesso dovrei fare le canzoni
con i dosaggi esatti degli esperti
magari poi vestirmi come un fesso
per fare il deficiente nei concerti.
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.
Non so se sono stato mai poeta
e non mi importa niente di saperlo
riempirò i bicchieri del mio vino
non so com'è però vi invito a berlo
e le masturbazioni celebrali
le lascio a chi è maturo al punto giusto
le mie canzoni voglio raccontarle
a chi sa masturbarsi per il gusto.
Canterò le mie canzoni per la strada
ed affronterò la vita a muso duro
un guerriero senza patria e senza spada
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro.
E non so se avrò gli amici a farmi il coro
o se avrò soltanto volti sconosciuti
canterò le mie canzoni a tutti loro
e alla fine della strada
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.

 


 




permalink | inviato da il 11/3/2007 alle 1:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

9 marzo 2007

Voglia di fuggire

Ogig è uno di quei giorni in cui son particolarmente stanca e avrei vsolo oglia di salire in macchina, accendere lo stereo , mettere in moto e partire , dfestinazione ignota ..mandando  affanculo tutto e tutti ...(che mi si scusi  il francesismo..se non lo si scusa.. è uguale :-P )

                                        » Where the Streets Have no Name «  U2    

I want to run
I want to hide
I want to tear down the walls
That hold me inside
I want to reach out
And touch the flame
Where the streets have no name
I want to feel sunlight on my face
I see the dust cloud disappear
Without a trace
I want to take shelter from the poison rain
Where the streets have no name

Where the streets have no name
Where the streets have no name
We're still building
Then burning down love
Burning down love
And when I go there
I go there with you
It's all I can do

The city's aflood
And our love turns to rust
We're beaten and blown by the wind
Trampled in dust
I'll show you a place
High on a desert plain
Where the streets have no name

Where the streets have no name
Where the streets have no name
We're still building
Then burning down love
Burning down love
And when I go there
I go there with you
It's all I can do
Our love turns to rust
We're beaten and blown by the wind
Blown by the wind
Oh, and I see love
See our love turn to rust
We're beaten and blown by the wind
Blown by the wind
Oh, when I go there
I go there with you
It's all I can do

img293/1785/stradaza9.png  
 

Se qualcuno avesse voglia di seguirmi , è pregato di portar con sè una canzone :-P

Un caro saluto e come di consueto il mio grazie a chi passa e lascia un po  di sè :-)
A presto ritrovarci
Strega scalzamente Libera




permalink | inviato da il 9/3/2007 alle 14:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

3 marzo 2007

Moonlight Shadow (MIke Oldfield)

 

The last that ever she saw him
Carried away by a moonlight shadow
He passed on worried and warning
Carried away by a moonlight shadow
Lost in a riddle last Saturday night
Far away on the other side
He was caught in the middle of a desperate fight
And she couldn't find how to push through

The trees that whisper in the evening
Carried away by a moonlight shadow
Sing a song of sorrow and grieving
Carried away by a moonlight shadow
All she saw was a silhouette of a gun
Far away on the other side
He was shot six times by a man on the run
And she couldn't find how to push through

[Chorus]
I stay
I pray
I see you in heaven far away
I stay
I pray
I see you in heaven one day

Four a.m. in the morning
Carried away by a moonlight shadow
I watched your vision forming
Carried away by a moonlight shadow
Stars move slowly in the silvery night
Far away on the other side
"Will you come to talk to me this night?"
But she couldn't find how to push through

[Chorus]

Far away on the other side

Caught in the middle of a hundred and five
The night was heavy but the air was alive
But she couldn't find how to push through
Carried away by a moonlight shadow [x2]
Far away on the other side

img150/6012/eclissi1xj7.jpg

L'ultima volta che lei lo vide
Trascinato dall'ombra del chiar di luna
Se ne andò preoccupato e in allerta
Trascinato dall'ombra del chiar di luna
Perduto nel fiume lo scorso sabato notte
Molto lontano, sull'altra riva
Fu catturato nel bel mezzo di una lotta disperata
E lei non riuscì a passarvi attraverso

Gli alberi che mormorano alla sera
Trascinato dall'ombra del chiar di luna
Cantano una canzone di dolore
Trascinato dall'ombra del chiar di luna
Tutto quello che lei vide fu la sagoma di una pistola
Molto lontano, sull'altra riva
Fu colpito sei volte da un uomo in fuga
E lei non riuscì a passarvi attraverso

Io rimango
Prego
Ti vedrò in paradiso, lontano

Io rimango
Prego
Un giorno ti vedrò in paradiso

Le quattro di mattina
Trascinato dall'ombra del chiar di luna
Vidi la tua immagine prender forma
Trascinato dall'ombra del chiar di luna
Le stelle brillavano nella notte argentea
Lontano sull'altra riva
Verresti a parlare con me stanotte?
Ma lei non riusciva a passarvi attraverso

Io rimango
Prego
Ti vedrò in paradiso, lontano

Io rimango
Prego
Un giorno ti vedrò in paradiso
Lontano sull'altra riva

Preso nel mezzo di cento e più
La notte era tetra e l'aria era viva
Ma lei non riusciva a passarvi attraverso
Trascinato dall'ombra del chiar di luna
Trascinato dall'ombra del chiar di luna 


       ....Una mitica canzone da me tanto amata ispirata dall'evento dell'eclissi ....
 




permalink | inviato da il 3/3/2007 alle 22:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

27 febbraio 2007

Ahum (Zucchero)

Ma quanto è difficile capirsi e farsi capire....

Ahum

I’ve got something to tell you

About my heart,

That you hold… ahum

If your down well there’s someone there… ah ah

Don’t you know… ahum

C’è qualcosa di me

Dentro me

Che non sai

Fino in fondo… ahum

C’è un giardino che mai

Forse mai

Troverai

Dove mi nascondo… ahum

Io sto con te

E non ti sento

You know what I want to say

After this love

After the rain

Ma che bel vento

Riempimi gli occhi

Curve nell’aria

D’oro e d’argento

Sono qui

Forse piu’ in là

Forse già qua

Se vai fino in fondo.

What do you think about me?

What do you think about me?

C’è qualcosa di me

Dentro te

Che non vuoi

Fino in fondo… ahum

Won’t walk out

I want to stay

L’aria è celeste

Come non sei

After this love After this love

After the rain After this crying

Ma che bel vento Ma che bel tempo

Riempimi gli occhi Riempimi gli occhi

Curve nell’aria Gioia nel pianto

D’oro e d’argento D’oro e d’argento

Sono qui Io sono qui

Forse più in là Forse più in là

Forse chissà Forse già qua

Ma vai fino in fondo, ti prego vai fino in fondo….. ahum.

                                                                     



Un caro saluto a chi passerà




permalink | inviato da il 27/2/2007 alle 22:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno