.
Annunci online

 
Blackroses 
Terribilis Est Locum Iste
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca


 

Diario | Musica | What's up? | Keep on smilin' | Poesia | Frasi celebri | Molto personale | Sondaggi | libri | film |
 
Poesia
1visite.

14 ottobre 2007

Io sono due...

 

Io sono due

È chiaro ora

Sono due più uno

Meno uno e fanno due

Che due volte sono

Nata e due volte morta

Due volte mi sono persa

Forse una volta di più

perché due e una sono tre

le volte che ho sbattuto

ma erano forse due

dato che sono in quattro

a tirarmi per i piedi

mentre dormo con voce di drago

E una volta sola ho amato

Ma saranno duecento la volte

Che ho toccato l’allegria

Però non duecento volte sono nata

Perché al centonovantanove

Mi sono stufata ed ecco

Dall’una al due mi sono scordata

E se una non fosse due sarebbe zero

Perciò prendimi come sono

Di una due e di due una.

(Dacia Maraini)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia

permalink | inviato da Blackroses il 14/10/2007 alle 10:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

5 ottobre 2007

Sognar...

 “Che è la vita? Frenesia
che è la vita? Illusione
solo un’ombra una finzione
e il maggior bene, un bisogno
del nulla, la vita è un sogno
e i sogni, sono sogni”.

Calderòn De La Barca





permalink | inviato da Blackroses il 5/10/2007 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

2 ottobre 2007

Sii gentile ..(C.Bukowski)

 

Ci viene sempre chiesto
di comprendere l'altrui
punto di vista
non importa quanto sia
antiquato
stupido o
disgustoso.

Uno dovrebbe
guardare
agli errori degli altri
e alle loro vite sprecate
con
gentilezza,
specialmente se si tratta di
anziani.

Ma l'età è la somma
delle nostre azioni.
Sono invecchiati
malamente
perché hanno
vissuto
senza mettere mai a fuoco,
hanno rifiutato di
vedere.

Non è colpa loro?
Di chi è la colpa?
Mia?

A me si chiede di mascherare
il mio punto di vista
agli altri
per paura della loro
paura.

L'età non è un crimine
ma l'infamia
di un'esistenza
deliberatamente
sprecata
in mezzo a tante
esistenze
deliberatamente
sprecate
lo è.

 




permalink | inviato da Blackroses il 2/10/2007 alle 20:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

10 giugno 2007

Vivi davvero...

 

Sii paziente verso tutto ciò che è irrisolto nel tuo cuore e …
cerca di amare le domande,
che sono simili a stanze chiuse a chiave
e a libri scritti in una lingua straniera.
Non cercare ora le risposte che non possono esserti date
poiché non saresti capace di convivere con esse.
E il punto è vivere ogni cosa.
Vivi le domande ora.
Forse ti sarà dato, senza che tu te ne accorga,
di vivere fino al lontano giorno in cui avrai la risposta.


Rainer Maria Rilke




permalink | inviato da Blackroses il 10/6/2007 alle 17:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

23 maggio 2007

Sereno...


Dopo tanta
nebbia
a una
a una
si svelano
le stelle.
Respiro
il fresco
che mi lascia
il colore
del cielo.

Mi riconosco
immagine
passeggera
presa in un giro
immortale
(G.Ungaretti)

Da qualche giorno un piacevole vento ha scompigliato la mia vita ...
Un magico incontro ,guidato sicuramente dalla mano di qualche creatura fatata ..
e da venerdi provo l'inebriante sensazione di camminar con il cielo sotto i piedi...

Ieri finalmente ho terminato un romanzo durato dieci anni...
 ho venduto casa ...

Stamane mi son destata
mi son seduta sul letto
e volgendo lo sguardo attorno a me
mi son dimandata trasognante  se tutto cio che è accaduto in questi ultimi giorni sia reale o semplice frutto della mia mente che stanca di affrontare ogni giorno problemi ha rinunciato alla razionalità e si è tuffata in un mondo di immagini oniricament fantastiche ...

Che la ruota abbia iniziato a girar nella giusta direzione
Sospinta da un vento amico ?
mah..
Al momento mi trastullo in questa sensazione di serenità

E auguro a chiunque passrà di qua una serena giornata

A presto ritrovarci

Strega scalzamente sorridente




permalink | inviato da Blackroses il 23/5/2007 alle 9:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

9 maggio 2007

Una sfida alle tenebre (Charles Bukowski)

colpito in un occhio
colpito nel cervello
colpito nel culo
colpito come un fiore nella danza

meravigliandomi per come la morte vinca senza fatica
meravigliandomi per come si presti fede a stupide forme di vita
meravigliandomi per come il riso venga soffocato
meravigliandomi per come il vizio sia così una costante

presto dovrò dichiarare la mia guerra alla loro guerra
devo aggrapparmi al mio ultimo pezzo di terra
devo proteggere il piccolo spazio che ho creato e che mi ha
permesso di vivere

la mia vita non la loro morte
la mia morte non la loro morte

questo posto, questo tempo, adesso
faccio voto al sole
che ancora una volta riderò di cuore
nel luogo a me perfetto
per sempre.

la loro morte non la mia vita.

 




permalink | inviato da il 9/5/2007 alle 21:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

11 aprile 2007

più felice sono ..(Emily Bronté)

 

Più felice sono quando più lontana

porto la mia anima dalla sua dimora d'argilla,

in una notte di vento quando la luna brilla

e l'occhio vaga attraverso mondi di luce

Quando mi annullo e niente mi è accanto

né terra, né mare, né cieli tersi

e sono tutta spirito, ampiamente errando

attraverso infinite immensità...

Sunrise over southeast England Photographic Print di Bruce Clarke






permalink | inviato da il 11/4/2007 alle 21:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

5 aprile 2007

Pazienza (A . Rimbaud)

Qui rami chiari dei tigli muore un malaticcio lhallali.
Ma canzoni spirituali volteggiano tra i ribes.
Il sangue rida nelle nostre vene: ecco allacciar le viti.
Il cielo è bello come un angelo, Azzurro ed Onda comunicano.
Esco! Se un raggio mi ferisce, soccombere sul muschio.

Si pazienti e ci si annoi: è tanto semplice!
Via queste pene.
Voglio che la drammatica estate mi leghi al suo carro di fortuna:
voglio morire – ah, meno nullo e meno solo – ad opera tua, o Natura;
mentre i pastori (è buffo), muoiono pressappoco ad opera del mondo.

Voglio che le stagioni mi consumino.
A te, Natura, m'arrendo, e la mia fame e tutta la mia sete:
e ti piaccia nutrirmi, abbeverarmi.
Più nulla ormai m'illude. Ridere al sole è ridere ai padri.
Ma io non voglio ridere a nulla. E libera sia questa sventura
.

A .Rimbaud

Waimea Bay, Oahu, Hawaii Stampa artistica di Jason Childs


UPDATE

Per Impegni lavorativi non so se riuscirò a passare da tutti voi per fari gli auguri ,
quindi li lascio qui , chi vuol coglierli li colga :-)

Serena Pasqua a voi tutti cari bloggers






permalink | inviato da il 5/4/2007 alle 0:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (27) | Versione per la stampa

27 marzo 2007

Amore a prima vista -Wislawa Szymborska (La fine e l'inizio, Scheiwiller, 1993) -


Sono entrambi convinti
che un sentimento improvviso li unì.
E' bella una tale certezza
ma l'incertezza è più bella.

Non conoscendosi prima, credono
che non sia mai successo nulla fra loro.
Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi
dove da tempo potevano incrociarsi?

Vorrei chiedere loro
se non ricordano -
una volta un faccia a faccia
forse in una porta girevole?
uno "scusi" nella ressa?
un "ha sbagliato numero" nella cornetta?
- ma conosco la risposta.
No, non ricordano.

Li stupirebbe molto sapere
che già da parecchio
il caso stava giocando con loro.
 
Non ancora del tutto pronto
a mutarsi per loro in destino,
li avvicinava, li allontanava,
gli tagliava la strada
e soffocando un risolino
si scansava con un salto.

Vi furono segni, segnali,
che importa se indecifrabili.
Forse tre anni fa
o il martedì scorso
una fogliolina volò via
da una spalla all'altra?
Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
Chissà, era forse la palla
tra i cespugli dell'infanzia?

Vi furono maniglie e campanelli
in cui anzitempo
un tocco si posava sopra un tocco.
Valigie accostate nel deposito bagagli.
Una notte, forse, lo stesso sogno,
subito confuso al risveglio.

Ogni inizio infatti
è solo un seguito
e il libro degli eventi
è sempre aperto a metà.
 

Wislawa Szymborska (La fine e l'inizio, Scheiwiller, 1993)

Silhouetted couple Photographic Print di Richard Nowitz
                Un caro saluto a chi passerà




permalink | inviato da il 27/3/2007 alle 22:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

23 marzo 2007

E se dicessi che non aspetterò (Emily Dickinson )

E se dicessi che non aspetterò!
E se forzassi il cancello di carne
e passandolo corressi verso di te!
E se limassi questo corpo mortale,
vedessi dove duole – è sufficiente –
e camminassi nella Libertà!

Non potranno più prendermi, mai più!
Chiamino pure le prigioni e implorino i fucili,
insensati ormai per me,
come il riso di appena un'ora fa,
o i pizzi, o il circo,
o chi è morto ieri.

E. Dickinson



Un caro saluto a chi passerà







permalink | inviato da il 23/3/2007 alle 23:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (27) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno